Le ali dell’Aquila – proposta di Serenella Ottaviano

ALL’AQUILA “LA CITTA’ DELLA FORMAZIONE” DOPO IL G8

Care Cittadine e cari Cittadini,

parlo come madre, insegnante e terremotata-sfollata dell’Aquila.
La mia incertezza sul futuro è pari a quella di molte e molti degli aquilani, così come la confusione mentale e logistica. Ogni giorno mi confronto con quanti si trovano nella mia stessa situazione e scopro che tutti coloro che hanno figlie e figli (da zero a venti anni circa) si domandano con inquietudine cosa potranno offrire loro e, soprattutto, quando. E non trovano risposte.

E’ sì prioritario un tetto solido, ma altrettanto fondamentali risultano essere l’erogazione di servizi e l’offerta di opportunità di crescita formativa, culturale, sportiva e di relazione sociale. Benché terremotati e sfollati, siamo e restiamo comunque cittadine e cittadini (appunto!) di una delle potenze mondiali e di una città che sarà messa nelle condizioni di ospitare a breve un G8!

Tutti lo sanno: molti aquilani stanno emigrando, o progettando di farlo, e non solo per paura, ma per garantire a figlie e figli sicurezza e opportunità maggiori di quanto L’Aquila potrà realisticamente offrire nei prossimi immediati mesi. Quanti?
Tutti lo sanno: molti studenti che frequentavano le scuole secondarie superiori, provenendo da fuori città, stanno già scegliendo altre sedi per il prossimo anno scolastico.
Giusto o sbagliato, è così.

Lo stress post-traumatico di questo incidente di percorso nella vita della nostra città-regione-nazione (perché il sisma del 6 aprile non deve e non può restare un caso intra-moenia) sta toccando anche gli abitanti della Marsica, per esempio, della Valle Peligna, del teramano e del reatino, soprattutto quelli i cui figli frequentavano le scuole superiori o l’università a L’Aquila.

Non è sufficiente reagire con dignità. Essere pro-attivi e creativi è la rampa di lancio se si vuole riprendere a volare (come ho letto in tanti slogan che massaggiavano il cuore ferito)!
Come madre, benché abbia una casa inagibile, tornerei immediatamente a vivere in città (in un camper, in una casa di legno, ospite di parenti e amici che hanno la casa in piedi…) se solo sapessi che anche mia figlia Irene, di otto anni, potrà viverci, crescendo dignitosamente e orgogliosamente, e non soltanto sopravvivere! Tornerei tra mille difficoltà se sapessi – e come me tanti e tante – che uno scuolabus passerà a prenderla per portarla in una comunità nella quale tanti bambini e adolescenti avranno l’opportunità di confrontarsi, istruirsi attivamente e formarsi, in un ambiente adatto, confortevole e sicuro, accedendo così alla fruizione di quei diritti costituzionali che, solo in questo modo, potrebbero avere espressione reale e non risolversi in mere ipotesi di intenti democratici.

E allora? Non è possibile realizzare un sogno?
Questo è il sogno-proposta: che la sede della scuola della Guardia di Finanza, dopo il G8, diventi la “città della formazione”.

Ci sono spazi e strutture sufficienti (e consolidate in modo antisismico e messe in sicurezza) per ospitare tutti gli asili nido, le scuole per l’infanzia, quelle primarie e secondarie, di primo e secondo grado, di cui disponeva la città. Si potrebbe addirittura sperare di continuare a proporre, a tutta la popolazione scolastica, il cosiddetto ampliamento dell’offerta formativa pre-terremoto: la cittadella in questione è, infatti, dotata di palestra, piscina, auditorium-teatro, sala conferenze, mensa-ristorante, infermeria etc etc con annessi parcheggi e rete stradale idonea a ché minibus (elettrici? così promuoviamo anche l’educazione al rispetto dell’ambiente e ci facciamo amica una natura che, ogni tanto, ci ricorda quanto è potente?) minibus, dicevo, e mezzi vari di trasporto possano accompagnare, in questa “città della formazione”, tutti i cuccioli di un’”aquila” ora un po’ tramortita. Si potrebbe anche ipotizzare qualche ala per le lezioni universitarie e magari ospitare, sotto tetti a norma, studenti e studentesse fuori sede da coadiuvare mediante borse di studio – come già sta proponendo il Dipartimento di Fisica dell’UNIVAQ.

Se una struttura così può essere convertita, in pochissimi mesi, a luogo idoneo per ospitare i Grandi del Mondo…bene! In un paio di mesi (e davvero!) potrà essere ri-convertita a città dell’accoglienza e della formazione delle piccole e piccoli Grandi della città dell’Aquila! C’è tutto. Basta volerlo. Basta che la Scuola della Guardia di Finanza conceda i suoi spazi soltanto per il tempo necessario alla ricostruzione delle sedi “giuste” nei luoghi “giusti”.
E’ un sogno? Forse.
Ma se è vero che c’è bisogno di ali…. ecco: le abbiamo! Dobbiamo solo aprirle e iniziare a volare!

Sindaco dell’Aquila, Presidente della Provincia e della Regione, Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale e Presidente del Consiglio hanno gli strumenti per aiutarci.

Silvi Marina, 13 maggio 2009
serenella ottaviano
———————————-
Se sei d’accordo con la proposta, sottoscrivila e inviala al Sindaco dell’Aquila (sindaco@comune.laquila.it) e alla Presidente della Provincia dell’Aquila (presidenza@provincia.laquila.it).

Falla circolare il più possibile – anche a livello nazionale – chiedendo di fare la stessa cosa che farai tu.

Annunci

CHI SI RICORDA DEI RIOSAVE?

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Presentazione del C.Disco CALLISTO ’93

Giovedì 3 gennaio alle ore 18.30
Circolo ARCI “QUERENCIA”
In via dei Guelfi 13 (piazza San Pietro) – L’Aquila

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

CALLISTO ’93: quindici brani originali scritti vent’anni fa, mai pubblicati, ri-arrangiati e re-interpretati, del gruppo dei RIOSAVE.

I RIOSAVE sono stati l’ultimo gruppo musicale fatto da esponenti dell'”ultima generazione di perdenti” che credevano la musica fosse un importante veicolo di idee, stimolo per riflettere, portatore sano di poesia.

Read more »

Zoho: applicativi fuori dalle gabbie

Web 2.0: l’era del social software e il browser come protagonista assoluto Read more »

È in vendita il disco di RioSave!!!

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

RioSave è una band nata nei primi anni 90. Dopo aver scorrazzato in lungo e in largo per l’Italia, nel 1994 vince il concorso nazionale ‘Rock Targato Italia‘ su oltre 1500 band da tutta Italia. Read more »

Feedback

Ciao, aspetto vostri consigli per migliorare questo sito. Gra’

Discussione generale

Qui parliamo di tutto (and more)